Smarrimento patente, tutti i passi da fare per riaverla

Smarrimento patente, tutti i passi da fare per riaverla

A chiunque sarà capitato almeno una volta nella vita di essere derubato o di perdere il portafogli con dentro tutti i documenti, perfino la patente. Sono cose che capitano e, quando questo succede, è chiaro che l’unica soluzione è avere a che fare con la burocrazia. E quando c’è di mezzo la burocrazia, ci sono sempre più step da seguire per portare a termine qualsiasi operazione, anche quelle riferite al documento di guida più essenziale di tutti.

Cerchiamo di fare chiarezza quindi, e spiegare cosa succede in caso di smarrimento della patente e quali sono i passi da fare per riaverla.

Smarrimento patente: l’iter

Ad onor del vero, va detto che, tra tutte le procedure burocratiche che portiamo avanti ogni giorno, quella dello smarrimento della patente ha un iter piuttosto semplice e anche un costo contenuto. Il procedimento da svolgere, nel caso in cui ci derubino o si perda questo documento, sono 2:

  • denuncia dello smarrimento
  • richiesta duplicato

Smarrimento patente: la denuncia di smarrimento

La denuncia di smarrimento della patente deve essere fatta entro 48 ore dall’accadimento e deve essere presentata di persona, presso i carabinieri o la polizia, oppure online, grazie al servizio messo a punto dall’arma. Va detto, però, che nel caso in cui si opti per la seconda opzione si dovrà comunque passare di persona da una caserma per finalizzare l’atto; la sola denuncia online infatti non basta.

I documenti da presentare per la denuncia di smarrimento per la patente sono il documento di identità (passaporto o carta di identità vanno bene uguale) e due fototessere. Una volta denunciato l’accaduto, i carabinieri (o la Polizia se ci è rivolti a loro) rilasceranno un permesso provvisorio di guida, della durata di 90 giorni, che permetterà allo sfortunato avventore di continuare a guidare legalmente mentre aspetta il duplicato del documento.

Smarrimento patente: la richiesta di duplicato

La richiesta di duplicato della patente viene solitamente inoltrata direttamente dalle forze dell’ordine, a meno che la patente, dopo un primo esame, non risulti non duplicabile. Questo accade quando nell’archivio del Ministero non sono presenti alcuni dati del proprietario ritenuti di fondamentale importanza.

Quindi, se la patente è duplicabile, allora sono i carabinieri (o chi per loro) a richiedere direttamente il duplicato e il possessore lo riceverà via posta entro 45 giorni. Se, invece, il documento non è duplicabile, allora il guidatore deve recarsi ad un ufficio della motorizzazione civile e richiedere il duplicato di persona. In questo caso, inoltre, sono anche richieste alcune informazioni aggiuntive, tutte inseribili nel modello TT2112.

Smarrimento patente: quanto costa

Come accennato, tra tutti gli iter burocratici presenti nel nostro Paese, quello dello smarrimento della patente non solo è uno dei più agili, ma anche uno dei meno costosi. Oltre al costo del servizio di circa 10€ (pagabile come bollettino, in caso di patente non duplicabile, oppure direttamente al postino in caso contrario) c’è solo la spesa per le fototessere che, di fatto, porta il costo totale a non superare le 20 euro.

Smarrimento patente:

È utile sapere, infine, che il Ministero dei Trasporti ha messo a disposizione un numero verde per quei casi particolare in cui, dopo 45 giorni, ancora non si è ricevuto il duplicato della propria patente di guida. In questo caso, infatti, è possibile telefonare al numero 800-232323 e ottenere subito maggiori informazioni sullo stato della propria procedura.

Cerca

Categorie

Articoli in evidenza

HVO carburante: cos’è e cosa sapere

buoni carburante aquila

Buoni carburante Aquila: scopri come funziona questo servizio

AQUILA HOW TO

Bollo auto: quanto costa e come pagarlo

Passaggio di proprietà

Passaggio di proprietà 2018: per chi è obbligatorio, quando va fatto, come si calcola

Articoli correlati

Articoli in evidenza

×