Quante persone possono viaggiare in un’auto

AQUILA_FOTO_HOW TO_05

Quante persone possono viaggiare in un’auto

Anche se sembra banale, è sempre bene domandarsi quante persone possono viaggiare in un’auto. E questo perché ogni casa automobilistica realizza modelli e versioni di auto ognuna diversa dall’altra modificando, di fatto, anche il numero di posti massimi disponibili all’interno dell’abitacolo. Basta fare una piccola ricerca, infatti, per scoprire che in commercio ci sono auto non solo a 4 o 5 posti ma anche dal 6, 7 e perfino 9 o da 2 (se si considera le minicar). 

Come fare quindi a capire quante persone possono legalmente sedere in una macchina piuttosto che in un altra? Tramite il Codice della Strada, ovviamente. In questo testo sono contenute tutte le regole e leggi a cui automobilisti, motociclisti e chiunque altro viaggi su ruote dovrebbe sottostare. Approfondiamo quindi subito l’argomento, ovvero come varia il numero di passeggeri in base alle varie situazioni

Quante persone in auto: le norme del Codice della strada

Come dicevamo, per capire quante persone possono o meno viaggiare in una determinata auto, c’è bisogno di andare a controllare il Codice della strada e, più specificamente, il suo articolo 169 e relativi commi. È al comma 2, ad esempio, dove si legge che il numero massimo di passeggeri di una macchina è scritto sulla sua carta di circolazione; e sono i commi 1 e 4 che legiferano in termini di libertà del conducente.

A dettare legge, quindi, più che il Codice della strada è la carta di circolazione stessa del veicolo in questione. Su questa sono riportate varie indicazioni, tra cui, appunto, il numero di passeggeri massimo che la macchina può sopportare che, solitamente, è indicato alla voce S1. Bisognerà controllare questo documento, dunque, per avere la certezza di non infrangere la legge ed evitare, così, di incappare in multe, sanzioni o perfino qualcosa di peggio.

Quante persone in auto: il caso foglio rosa

Quanto detto finora è vero, la carta di circolazione specifica il numero massimo di persone consentite all’interno dell’abitacolo macchina. Quello che non abbiamo ancora detto è che tale regola cambia se a guidare la suddetta auto è un praticante, ovvero una persona che ha superato l’esame teorico per la patente B e sta, appunto, facendo pratica prima di dare l’esame di guida finale. 

In questo specifico caso, il conducente deve sempre avere almeno un passeggero e questo passeggero deve avere caratteristiche precise:

  • deve possedere la patente da più di 10 anni
  • non deve superare i 65 anni di età
  • può anche essere un giovane (con patente da meno di 10 anni) ma la patente in questo caso deve essere superiore a quella del praticante (es. praticante di patente B con accompagnatore 25enne in possesso di patente C)
  • deve essere nel pieno delle proprie facoltà quando accompagna il praticante

Oltre al passeggero accompagnatore, che ricordiamo è obbligatorio, il conducente di una macchina con foglio rosa può portare anche altri passeggeri ma solo a specifiche condizioni:

  • al posto davanti sede solo l’accompagnatore
  • guida solo su strade poco trafficate (no autostrade e strade extraurbane principali)
  • solo uscite diurne (da dopo il tramonto fino all’alba è vietato per un praticante portare passeggeri in più al solo accompagnatore)

Quante persone in auto: soluzione in extremis

Abbiamo detto che è la carta di circolazione a dettare legge su quante persone possano o meno stare dentro una macchina, bene, ma che fare se non si riesce più a trovare la carta di circolazione? Non importa averla persa, basta anche semplicemente non trovarla nel momento del bisogno. In che questi casi la soluzione è una sola: contare le cinture di sicurezza. 

È un trucco semplicissimo questo, è vero, ma è il più semplice per capire rapidamente se la macchina può o meno ospitare il numero di persone desiderato. Le macchine, infatti, per essere messe in circolazione devono essere omologate e questo significa che devono essere dotate di tutti gli accessori necessari. Per cui, se una macchina è omologata per 5 persone, ad esempio, troveremo ben 5 cinture di sicurezza, non una di più e non una di meno.

Ecco dunque viste le regole per definire quante persone possono o meno viaggiare in un’auto. Come sempre, quella esposta vuole solo essere una panoramica utile a comprendere un po’ meglio l’argomento, per qualunque altra informazione o richiesta di sorta rivolgiti al tuo meccanico di fiducia, oppure al rivenditore che ti ha venduto il mezzo, siamo certi che sapranno rispondere ad ogni domanda.