Google Arts and Culture: connessi con l’arte.

Google Arts and Culture: connessi con l’arte.

Per colmare la distanza dagli spazi dell’arte e della cultura, che in questo difficile momento devono restare chiusi, ci viene incontro il digitale, con piattaforme come Google Arts and Culture o iniziative specifiche delle istituzioni culturali sul web e sui social. 

La Pandemia, già da diversi mesi ha messo in crisi tutto il mondo dell’arte a causa della chiusura a più riprese di musei, mostre, gallerie. Stessa sorte è toccata a teatri, cinema e tutti i luoghi dedicati alla cultura; purtroppo un grave problema economico ma anche sociale che ha privato le persone di una fonte di arricchimento immensa.

Una mancanza importante anche per i viaggiatori dell’arte che amavano programmare le proprie tappe proprio in funzione di questi spazi.

D’altronde, le privazioni di questo periodo sono necessarie per poter tornare il prima possibile ad una vita normale, recuperare la nostra quotidianità e iniziare di nuovo a coltivare i nostri interessi. Nonostante tutto però, abbiamo la possibilità di sfruttare il grande potenziale della digitalizzazione e ciò che essa ci mette a disposizione.

Forse non tutti sanno che un modo per viaggiare nell’arte anche da casa c’è e si chiama Google Arts and Culture. https://artsandculture.google.com/ 

Cos’è Google Arts and Culture

Google Arts and Culture è una piattaforma gratuita creata da Google che raccoglie le opere d’arte, visibili in alta definizione, di moltissimi musei presenti in tutto il mondo, con la possibilità anche di visitare virtualmente il museo stesso. 

Esiste sia la versione per il browser che l’app da scaricare con funzioni di personalizzazione per raccogliere le nostre opere d’arte preferite e non solo.

Scarica per Android
Scarica per Ios

Come funziona?

Sono davvero tantissime le modalità di fruizione dell’arte e i metodi di esplorazione, come ad esempio: 

  • esplorare i contenuti in base al periodo storico e al colore
  • visionare le opere d’arte in alta definizione
  • immergersi in video a 360°
  • visitare virtualmente gli ambienti tramite lo strumento Google Street Wiev
  • interagire con giochi ed esperimenti creati da artisti
  • esplorare luoghi della cultura nelle mostre vicinanze
  • salvare le nostre opere preferite

Insomma, i contenuti sono tantissimi e puoi vedere qui tutte le istituzioni ad oggi presenti e in continua crescita https://artsandculture.google.com/partner?hl=it

E fuori da Google Art and Culture?

Ci sono anche tantissime realtà più piccole che non sono ad oggi ancora presenti sulla piattaforma ma che comunque si stanno impegnando con tutte le loro forze per condividere i propri tesori e permettervi di restare in contatto con loro. 

Queste realtà hanno sicuramente bisogno del nostro sostegno in questo momento!

Quello che possiamo fare è aiutarle partecipando e dando visibilità alle loro iniziative con gli strumenti che ci mettono a disposizione: visita i loro siti, segui le pagine social in cui sono presenti, partecipa e condividi le loro iniziative per dare loro più visibilità possibile!

Pro o contro la digitalizzazione degli spazi dell’arte?

Questo è stato un tema largamente dibattuto, soprattutto per la paura che la digitalizzazione disincentivasse la vera visita. Con il tempo si è capito che queste iniziative, in realtà, sono un valore aggiunto per avvicinare ancora più persone all’arte e invogliarle a scegliere anche questi punti di interesse nei loro viaggi.

Oggi più che mai la digitalizzazione ci aiuta a non dimenticare l’arte e la cultura.