Capalbio: cosa vedere nel piccolo borgo toscano

capalbio maremma toscana

La Maremma è tra le zone più belle della Toscana, tanto è vero che ogni anno attira tantissimi visitatori provenienti da tutte le parti del mondo.

La Toscana è una regione straordinaria dove s’incontrano tradizione, paesaggi mozzafiato, una cucina tipica che ha pochi rivali nel mondo, grazie anche alla grande ospitalità da parte dei suoi abitanti.

Tra le attrazioni più affascinanti troviamo senza dubbio il fantastico borgo di Capalbio, un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. Il suo paesaggio è un mix incredibile di colline, lago e mare.

Capalbio conta solamente cinquemila abitanti e si trova proprio nell’entroterra della Maremma toscana, nella provincia di Grosseto. Molto caratteristica è anche la spiaggia di Capalbio, lunga ben dodici chilometri che da Orbetello arriva fino al Lazio.

Ma quali sono le cose principali da vedere in questo meraviglioso piccolo borgo toscano? Scopriamolo subito.

Cosa vedere a Capalbio?

Pur essendo piccolo, Capalbio offre molte cose da vedere per un viaggio indimenticabile alla scoperta del fascino di questo straordinario borgo. Vediamo allora quali sono i posti migliori da visitare, iniziando dal centro storico fino ad immergersi nella natura, ammirando il panorama dalla costa e molto altro.

Centro storico

Il centro storico di Capalbio è accessibile esclusivamente a piedi. Appena arrivati si resta semplicemente a bocca aperta, infatti si possono ammirare i balconi pieni di fiori, le case in pietra, degli scorci incredibilmente affascinanti e tante piccole vie molto strette.

Inoltre il borgo presenta una bellissima muraglia che sembra quasi proteggerlo, infondendo ancora più entusiasmo ai visitatori.

Castello Rocca Aldobrandesca

Tra le cose da visitare assolutamente nel centro di Capalbio troviamo la favolosa Rocca Aldobrandesca che permette di poter ammirare un panorama mozzafiato salendo in cima al castello, ma anche la suggestiva chiesa del cuore immacolato, ne vale davvero la pena.

È possibile vedere oggetti e mobili antichi e, come detto, dalla cima si può godere di un panorama a 360 gradi su tutta Capalbio e la zona circostante.

Palazzo Collacchioni

Naturalmente non può mancare una visita al Palazzo Collacchioni, dove all’interno è possibile ammirare il pianoforte utilizzato dal grande Giuseppe Puccini.

Lago di Burano

È impensabile andare a Capalbio e non visitare lo splendido lago di Burano, pensa che parliamo di un lago costiero protetto dall’oasi del WWF. Basta solo questo per capire perchè è così rinomato e, soprattutto, perchè deve essere considerato come una tappa obbligatoria.

Il giardino dei tarocchi

Il giardino dei tarocchi rappresenta probabilmente il luogo più famoso e visitato di Capalbio, dista circa dieci chilometri dal borgo e quindi è facilmente raggiungibile.

Visitare il giardino dei tarocchi è un’esperienza indimenticabile che ti permetterà di ammirare statue e altre opere d’arte a cielo aperto. Questo giardino incanta anche i più piccoli grazie ai colori vivacissimi e intensi delle sue sculture, le quali raggiungono altezze addirittura di quindici metri.

Bisogna però tenere in considerazione il fatto che per visitare il parco è necessario effettuare una prenotazione, anche online, ed è preferibile vederlo quando non fa eccessivamente caldo.

Torre di Burano

Si tratta di un luogo suggestivo che però, essendo di proprietà privata, non è sempre accessibile e visitabile. Ad ogni modo durante l’anno, di tanto in tanto, vengono organizzate delle escursioni e il nostro consiglio è quello di partecipare perchè non te ne pentirai.

Nanà Fontaine

Probabilmente la prima volta che vedrai questa attrazione ti sorprenderà parecchio, perchè Nanà Fontaine sembra quasi essere fuori contesto rispetto al borgo di Capalbio.

Si tratta infatti di un monumento molto particolare e tutto colorato, in particolare è una statua che rappresenta una donna che indossa un costume dai colori estremamente vivaci. Nanà Fontaine è di fatto il primo monumento che incontrerai e ti darà il benvenuto nel centro storico di Capalbio.

Tomba brigante Tiburzi

Il cimitero di Capalbio è molto piccolo, ma al suo interno ospita la tomba del brigante più famoso di tutta la Maremma, ovvero Domenico Tiburzi.

Di lui non si sa molto, ma la leggenda dice che fosse un personaggio vicino ai poveri, infatti pare che li aiutasse e li difendesse dalla prepotenza dei proprietari terrieri. Questo almeno è quello che si dice, ma la leggenda è estremamente affascinante.

Pieve di San Nicola

Pieve di San Nicola è senza ombra di dubbio l’edificio religioso più importante di tutto il borgo di Capalbio. Si tratta di una piccola chiesa costruita, all’origine, in stile romanico ma che nel corso degli anni ha subito diverse modifiche strutturali e oggi presenta elementi gotici e rinascimentali.

Esternamente Pieve di San Nicola è una chiesetta abbastanza normale, non presenta alcuna particolarità, ma al suo interno si possono ammirare diversi affreschi molto affascinanti.

Spiagge di Capalbio

Le spiagge di Capalbio costituiscono un litorale unico di oltre dodici chilometri, ognuna di esse ha delle caratteristiche ben precise, ma sicuramente tutte hanno in comune il mare cristallino, la sabbia e i fondali abbastanza bassi.

Tra le spiagge più belle c’è sicuramente Playa Torba che si trova in una zona piuttosto tranquilla e ideale per il relax. La particolarità è la presenza di sabbia scura.

La spiaggia di Macchiatonda si trova più a Sud e alle sue spalle troviamo l’oasi del lago di Burano. Insomma, una spiaggia che unisce il piacere del mare alla possibilità di trovare pace a contatto con la natura all’interno dell’oasi.

Capalbio offre davvero tante opportunità ai turisti, è un luogo ideale per chi vuole approfondire e studiare la storia, ma anche per coloro che vogliono godersi le vacanze in totale relax sulle bellissime spiagge presenti.

Trova le stazioni Aquila lungo la tua rotta per il rifornimento dei tuoi mezzi e una ricarica di energia.

 

La Maremma è tra le zone più belle della Toscana, tanto è vero che ogni anno attira tantissimi visitatori provenienti da tutte le parti del mondo.

La Toscana è una regione straordinaria dove s’incontrano tradizione, paesaggi mozzafiato, una cucina tipica che ha pochi rivali nel mondo, grazie anche alla grande ospitalità da parte dei suoi abitanti.

Tra le attrazioni più affascinanti troviamo senza dubbio il fantastico borgo di Capalbio, un luogo dove il tempo sembra essersi fermato. Il suo paesaggio è un mix incredibile di colline, lago e mare.

Capalbio conta solamente cinquemila abitanti e si trova proprio nell’entroterra della Maremma toscana, nella provincia di Grosseto. Molto caratteristica è anche la spiaggia di Capalbio, lunga ben dodici chilometri che da Orbetello arriva fino al Lazio.

Ma quali sono le cose principali da vedere in questo meraviglioso piccolo borgo toscano? Scopriamolo subito.

Cosa vedere a Capalbio?

Pur essendo piccolo, Capalbio offre molte cose da vedere per un viaggio indimenticabile alla scoperta del fascino di questo straordinario borgo. Vediamo allora quali sono i posti migliori da visitare, iniziando dal centro storico fino ad immergersi nella natura, ammirando il panorama dalla costa e molto altro.

Centro storico

Il centro storico di Capalbio è accessibile esclusivamente a piedi. Appena arrivati si resta semplicemente a bocca aperta, infatti si possono ammirare i balconi pieni di fiori, le case in pietra, degli scorci incredibilmente affascinanti e tante piccole vie molto strette.

Inoltre il borgo presenta una bellissima muraglia che sembra quasi proteggerlo, infondendo ancora più entusiasmo ai visitatori.

Castello Rocca Aldobrandesca

Tra le cose da visitare assolutamente nel centro di Capalbio troviamo la favolosa Rocca Aldobrandesca che permette di poter ammirare un panorama mozzafiato salendo in cima al castello, ma anche la suggestiva chiesa del cuore immacolato, ne vale davvero la pena.

È possibile vedere oggetti e mobili antichi e, come detto, dalla cima si può godere di un panorama a 360 gradi su tutta Capalbio e la zona circostante.

Palazzo Collacchioni

Naturalmente non può mancare una visita al Palazzo Collacchioni, dove all’interno è possibile ammirare il pianoforte utilizzato dal grande Giuseppe Puccini.

Lago di Burano

È impensabile andare a Capalbio e non visitare lo splendido lago di Burano, pensa che parliamo di un lago costiero protetto dall’oasi del WWF. Basta solo questo per capire perchè è così rinomato e, soprattutto, perchè deve essere considerato come una tappa obbligatoria.

Il giardino dei tarocchi

Il giardino dei tarocchi rappresenta probabilmente il luogo più famoso e visitato di Capalbio, dista circa dieci chilometri dal borgo e quindi è facilmente raggiungibile.

Visitare il giardino dei tarocchi è un’esperienza indimenticabile che ti permetterà di ammirare statue e altre opere d’arte a cielo aperto. Questo giardino incanta anche i più piccoli grazie ai colori vivacissimi e intensi delle sue sculture, le quali raggiungono altezze addirittura di quindici metri.

Bisogna però tenere in considerazione il fatto che per visitare il parco è necessario effettuare una prenotazione, anche online, ed è preferibile vederlo quando non fa eccessivamente caldo.

Torre di Burano

Si tratta di un luogo suggestivo che però, essendo di proprietà privata, non è sempre accessibile e visitabile. Ad ogni modo durante l’anno, di tanto in tanto, vengono organizzate delle escursioni e il nostro consiglio è quello di partecipare perchè non te ne pentirai.

Nanà Fontaine

Probabilmente la prima volta che vedrai questa attrazione ti sorprenderà parecchio, perchè Nanà Fontaine sembra quasi essere fuori contesto rispetto al borgo di Capalbio.

Si tratta infatti di un monumento molto particolare e tutto colorato, in particolare è una statua che rappresenta una donna che indossa un costume dai colori estremamente vivaci. Nanà Fontaine è di fatto il primo monumento che incontrerai e ti darà il benvenuto nel centro storico di Capalbio.

Tomba brigante Tiburzi

Il cimitero di Capalbio è molto piccolo, ma al suo interno ospita la tomba del brigante più famoso di tutta la Maremma, ovvero Domenico Tiburzi.

Di lui non si sa molto, ma la leggenda dice che fosse un personaggio vicino ai poveri, infatti pare che li aiutasse e li difendesse dalla prepotenza dei proprietari terrieri. Questo almeno è quello che si dice, ma la leggenda è estremamente affascinante.

Pieve di San Nicola

Pieve di San Nicola è senza ombra di dubbio l’edificio religioso più importante di tutto il borgo di Capalbio. Si tratta di una piccola chiesa costruita, all’origine, in stile romanico ma che nel corso degli anni ha subito diverse modifiche strutturali e oggi presenta elementi gotici e rinascimentali.

Esternamente Pieve di San Nicola è una chiesetta abbastanza normale, non presenta alcuna particolarità, ma al suo interno si possono ammirare diversi affreschi molto affascinanti.

Spiagge di Capalbio

Le spiagge di Capalbio costituiscono un litorale unico di oltre dodici chilometri, ognuna di esse ha delle caratteristiche ben precise, ma sicuramente tutte hanno in comune il mare cristallino, la sabbia e i fondali abbastanza bassi.

Tra le spiagge più belle c’è sicuramente Playa Torba che si trova in una zona piuttosto tranquilla e ideale per il relax. La particolarità è la presenza di sabbia scura.

La spiaggia di Macchiatonda si trova più a Sud e alle sue spalle troviamo l’oasi del lago di Burano. Insomma, una spiaggia che unisce il piacere del mare alla possibilità di trovare pace a contatto con la natura all’interno dell’oasi.

Capalbio offre davvero tante opportunità ai turisti, è un luogo ideale per chi vuole approfondire e studiare la storia, ma anche per coloro che vogliono godersi le vacanze in totale relax sulle bellissime spiagge presenti.

Trova le stazioni Aquila lungo la tua rotta per il rifornimento dei tuoi mezzi e una ricarica di energia.

 

Cerca

Categorie

Articoli in evidenza

HVO carburante: cos’è e cosa sapere

buoni carburante aquila

Buoni carburante Aquila: scopri come funziona questo servizio

AQUILA HOW TO

Bollo auto: quanto costa e come pagarlo

Passaggio di proprietà

Passaggio di proprietà 2018: per chi è obbligatorio, quando va fatto, come si calcola

Articoli correlati

Articoli in evidenza

×