Social: Facebook
Area riservata
Sicurezza Passaggio di proprietà

Hai trovato un’occasione per comprare un’auto di seconda mano ma non vuoi rischiare perché non conosci gli step per effettuare un passaggio di proprietà? Nessuna paura, per fortuna sei sul post giusto.

Prima di tutto, ricordati che hai due possibilità: o ti rivolgi a un’Agenzia di pratiche veloci, che naturalmente aggiungerà all’importo dell’operazione la sua percentuale, o fai tutto da solo. Se scegli l’ultima ipotesi, continua a leggere.

Passaggio di proprietà auto 2018

Se vuoi comprare un’auto usata dovrai iniziare le pratiche per il passaggio di proprietà. Questo è infatti un atto obbligatorio per chi acquista che comporta degli adempimenti previsti dal Codice della Strada. Quindi se non vuoi incorrere in sanzioni devi avviare il prima possibile la procedura. Vediamo come.

Passaggio di Proprietà con Certificato di Proprietà

Se sei in possesso del Certificato di Proprietà occorrerà presentarsi con il venditore presso lo Sportello Telematico dell’Automobilista (STA) ed eseguire lì la firma (che il venditore dovrà apporre sul documento) per essere autenticata gratuitamente. Per questa operazione servono una marca da bollo da 16 euro e un documento di identità. Puoi anche scegliere di rivolgerti a un notaio ma questo avrà un costo più alto.

L’operazione allo STA comporta in automatico la richiesta di registrazione del passaggio di proprietà, ed è quindi la soluzione più veloce per completare l’attività di compravendita.  

Passaggio di Proprietà senza Certificato di Proprietà

Se il venditore non è in possesso del Certificato di Proprietà deve rivolgersi all’ufficio provinciale ACI – Pubblico registro automobilistico (PRA) per la registrazione del passaggio e alla Motorizzazione Civile per l’aggiornamento della Carta di circolazione. In ogni caso, ha tempo 60 giorni.

Dove effettuare il passaggio di proprietà

• presso gli sportelli STA dell’ufficio provinciale ACI (PRA): è possibile pagare direttamente allo sportello in contanti o con il bancomat.
• presso gli
sportelli STA di una delegazione ACI o Agenzie pratiche auto: puoi pagare direttamente lì ma dovrai conteggiare la percentuale dei costi del servizio di intermediazione.
• presso gli
sportelli STA della Motorizzazione Civile: puoi pagare solo mediante bollettini postali premarcati e consegnare la ricevuta di versamento allo sportello.

Documentazione per effettuare il passaggio di proprietà auto 2018

 Ecco una lista dei documenti necessari per effettuare un passaggio di proprietà:

• Atto di vendita
• Nota di presentazione al PRA su cui indicare il codice fiscale dell’acquirente
• Carta di circolazione e una fotocopia della stessa
• Modulo TT 2119: per richiedere l’aggiornamento della carta di circolazione
• Fotocopia del documento di identità dell’acquirente
• Autocertificazione di residenza dell’acquirente

Costo passaggio di proprietà 2018

 Il costo del passaggio di proprietà dipende del comune di residenza, dipende infatti dall’importo dell’Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT), obbligatoria e stabilita con Decreto del Ministero delle Finanze.

 Puoi essere esonerato dal pagamento dell’Imposta IPT nel caso in cui il passaggio di proprietà riguardi un motociclo – ad eccezione di quelli d’epoca – o se stai tu vendendo l’auto a un concessionario/rivenditore di veicoli usati o ancora se riguarda particolari categorie di disabili o associazioni di volontariato.

 Inoltre è prevista la riduzione di un quarto dell’importo se la richiesta se stai comprando un veicolo storico o speciale.

Come calcolare i costi:

Ecco una visuale dei costi, non esaustiva, ma che vuole solo dare un’idea dell’importo finale. È anche possibile usare dei calcolatori online, non ufficiali, per simulare il costo tenendo conto delle variazione delle IPT provinciali, degli emolumenti Aci e dell’imposta di bollo.

IPT

da 150,00 a 610 euro

Emolumenti ACI

27 euro

Imposta di bollo

da 32 a 48 euro

Diritti DTT

9 euro

Aggiornamento carta di circolazione

16 euro

In caso di mancato rispetto delle norme

Se non hai aggiornato la carta di circolazione e il certificato di proprietà entro il termine di 60 giorni dall’autentica della firma sull’atto di vendita, puoi incorrere in sanzioni monetarie e rischi il ritiro della carta di circolazione in caso di controllo su strada (art. 94 del Codice della Strada). Se non si effettua il passaggio di proprietà all’ACI vengono applicate sanzioni amministrative per l’acquirente, mentre il venditore rischia delle conseguenze sul piano civile e fiscale.

Scopri la nuova benzina Aquila Super100. Pura energia istantanea a 100 ottani

Condividi: